Showing 5 Result(s)
#iorestoallamasseria Tutti i post

Briciola

Ieri la nostra piccola Briciola ha subito un’operazione.

Ancora in preda all’anestesia, al ritorno a casa era totalmente indebolita. Siamo stati pensiero per lei…

Questa mattina si è svegliata con una fame da lupo ed è più fresca e vivace che mai!

Guardandola, mi viene in mente una bellissima frase di Totò:

“Il cane è quella cosa a metà strada tra un angelo e un bambino”.

#iorestoallamasseria Tutti i post

4 brillanti

“Se piove il 4 aprile, poi pioverà per 40 giorni.”

Varie e contraddittorie sono le ipotesi sulle origini di tale detto, e varie e contraddittorie sono anche le sue varianti. Personalmente, non ho mai capito se sia da prendere in considerazione soltanto il 4 aprile, oppure i primi quattro giorni di aprile, ossia quelli che vengono chiamati i 4 brillanti, appunto.

Una cosa è certa: oggi ci ha svegliato un sole stupendo!

Alla Masseria è giunto il tempo della semina, e Nunzio (in foto), dopo aver raccolto le uova delle galline, si appresta a interrare semi e piantine!

La cura dell’orto e della terra è un’ottima terapia.

#iorestoallamasseria Tutti i post

Lievito madre

In questi giorni di tragica pigrizia e incerta noia mista all’angoscia delle sciagure, ci è venuta voglia di sentirci più vicini ai nostri ospiti passati e futuri attraverso questa pagina del nostro sito dedicata alle attività che continuiamo a svolgere all’interno e all’esterno della struttura.

Da circa un mese tutto sembra immobile:
le persone sono blindate nelle proprie case;
le saracinesche, mute, nascondono i negozi;
le strade restano vuote, nude cornici d’asfalto delle aiuole.
Sono proprio queste ultime, le aiuole, il verde e la natura che vi abita, a remare apparentemente in “direzione contraria ed ostinata” a tutto il resto: la natura continua il suo canto, il suo fluire ininterrotto.
Sono le piccole grandi cose a cui spesso non facciamo neppure caso a donarci di nuovo una fiaccola di speranza, a farci sorridere ancora nonostante tutto, a rendere pieno il nostro quotidiano di un “grazie” totale.

Qui alla Masseria siamo fortunati perché di piccole cose ce ne sono parecchie, anche quelle più vecchie, dismesse e dimenticate, testimoni della vita di ieri; c’è tanto spazio e tanto verde per da poter passare gran parte della giornata all’esterno e dedicarla alla cura dell’orto, del giardino e delle aiuole, fare il pane per la settimana nuova…

E proprio l’arte del fare il pane casereccio ci fa riscoprire un mondo antico e nuovo. Ultramoderno e tradizionale.

Il lievito madre, oltre ad aver bisogno di tutte le attenzioni che merita, evoca Origine, Sorgente, Causa e Principio. Ristabilisce i legami.

Impastare a mano vuole dire tatto. Accorcia le distanze.

Cuocerlo nel forno a legna il cui combustibile sono state le potature degli ulivi, la cui cenere farà da concime agli stessi, dà un senso di circolarità che non contempla lo spreco. Riconnette alla natura.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial